El mostro, la coraggiosa storia di Gabriele Bortolozzo

Porto Marghera ha rappresentato a lungo un sogno: era il miraggio di un lavoro sicuro, la certezza di poter comprare il necessario, di mandare i figli a scuola. Era l’America in provincia. Il petrolchimico si portava via le vite degli operai con inoffensiva semplicità statistica: era il prezzo da pagare e molti pensavano ne valesse la pena.

Gabriele Bortolozzo, uomo mite, spiritoso e dotato di immaginifica lungimiranza ha rotto quell’incantesimo, ci a costretti a guardare in faccia la realtà. Lo ha fatto con coraggio ma in solitudine e ci ha lasciati troppo presto, non senza però affidare a tutti noi una grande eredità.

Il cortometraggio animato e il progetto di sensibilizzazione “El mostro” è un omaggio alla memoria dell’opera di Gabriele. Non solo un ricordo della sua battaglia civile ma un monito per tutte le realtà in cui le esigenze della produzione industriale prevaricano sulla vita dei lavoratori.

Edizione speciale LIBRO+DVD 

Per leggere con occhi nuovi un pezzo di storia veneta, italiana e non solo.

Il cortometraggio di animazione di Lucio Schiavon e Salvatore Restivo, pluripremiato nei festival di tutto il mondo, è ora disponibile in libreria accompagnato da una selezione di testi curata da Elisa Pajer e Cristiano Dorigo tratta dal libro di Gabriele Bortolozzo “L’erba ha voglia di vita”.

ISBN 9788887505429

Mare di Carta Editore.

Gabriele Bortolozzo e il Petrolchimico di Marghera

Qualche decennio fa, chi percorreva di sera il Ponte della Libertà, il nastro d’asfalto che unisce la città una e trina, assisteva una visione unica: partendo dal centro storico, un miracolo di luci, colori, fumi e fiamme coesistevano in paradossale armonia con l’ambiente urbano che lo attorniava: la bellezza assoluta di Venezia, e le città di terraferma.

Giorno dopo giorno ci si abituava, si introiettava quel contrasto al punto di sentirlo intrensicamente naturale.
El mostro – quei fumi, quelle luci, quell’imbroglio – ha il dono della lievità, il potere della seduzione, la musicalità della promessa: ha un’apparenza sinuosa, ma un animo mefistofelico, e se ti prende non ti lascia più.

A quei tempi era invisibile, silenzioso, attraente: era il miraggio di un lavoro sicuro, la certezza di poter comprare merci, di mandare i figli a studiare e pagargli il dentista. Era l’America in provincia, minor fatica e più reddito, un sogno fronte laguna.

S’insinuava silenzioso nei corpi, si portava via le vite degli operai con inoffensiva semplicità statistica: era il prezzo da pagare, e molti pensavano ne valesse la pena.
Gabriele Bortolozzo, uomo mite, spiritoso, dotato di immaginifica lungimiranza ha rotto l’incantesimo, ci ha costretti a guardare in faccia la realtà. Lo ha fatto con coraggio, ma in solitudine, e ci ha lasciati troppo presto, non senza però affidarci una grande eredità.
Da questa siamo voluti partire per raccontare un risveglio, di coscienze e di memoria che dobbiamo non solo a Gabriele ma anche a noi stessi e a coloro che verranno dopo di noi. Il nostro cortometraggio ha l’ambizione di voler offrire nutrimento ad una  discussione e ad un dibattito su temi che sentiamo nevralgici e rischiosamente sotterrati da una sorta di asfissiante emergenza: lavoro, diritti, salute, benessere.

Temi che oggi come allora sono al centro della scena politica, sociale e culturale ma restano sospesi e sembrano irrisolvibili.
Gabriele Bortolozzo ha ingaggiato una lotta impari ma esemplare contro un sistema, questa lotta ha generato una bella storia, e il nostro cortometraggio vorrebbe che questa bella storia diventasse patrimonio di tutti.

Regia Lucio Schiavon e Salvatore Restivo

Produzione esecutiva Elisa Pajer

Illustrazioni Lucio Schiavon

Animazioni e Montaggio Salvatore Restivo, Giacomo Severi, Matteo Reato, Simone Antonucci

Storyboard Michele Dissegna

Sceneggiatura Federico Fava

Collaborazione alla sceneggiatura Cristiano Dorigo

Musiche originali Paki Zennaro

Grafica Alessandra Pavan e Maddalena Quaggia

Produzione Studio Liz in collaborazione con Studio Magoga

Con il contributo di  Studio 3A

Dal crowdfunding allo schermo

Il progetto è stato finanziato dal basso attraverso la piattaforma on line Eppela e grazie al contributo di Studio 3A – risarcimento assicurato.

Rassegna stampa

Leggi di articoli correlati del blog

El mostro è pronto per la Mostra del Cinema

La calma e la determinazione di Gabriele vogliono essere la cifra di questo cortometraggio, che iscriveremo alla Mostra del Cinema di Venezia per la sezione Orizzonti, sperando di meritarci la selezione e l’occasione di mostrare questo lavoro in una vetrina internazionale.

El Mostro, omaggio a Gabriele Bortolozzo

Quando abbiamo iniziato ormai un anno fa ad imbastire volontà, fattibilità e potenzialità del progetto Gabriele Borotlozzo - el mostro, difficilmente avremmo potuto prevedere o anche solo auspicarci una partenza così frizzante! Il nostro progetto, lo ricordiamo, punta...

Gabriele Bortolozzo, non lo vogliamo dimenticare

Sono quasi vent'anni che Bortolozzo, Gabriele,  è morto. Quasi nessuno si ricorda di lui, o addirittura non l'ha mai sentito nominare. Eppure vi scriviamo dalla sua stessa città, mica da Taranto o da Monfalcone, tanto per citare due luoghi a caso. Siamo un gruppo di...

Gabriele Bortolozzo: una video lettura 20 anni dopo

Studio Liz si propone di realizzare di un prodotto audiovisivo a carattere documentario che abbia come soggetto la storia di Grabriele Bortolozzo, con l'intento di riscoprire la sua figura di eroe civile e raccontarla in una chiave di lettura nuova in occasione...

Iscriviti alla Newsletter

Pin It on Pinterest