El Mostro, omaggio a Gabriele Bortolozzo

El Mostro, omaggio a Gabriele Bortolozzo

Quando abbiamo iniziato ormai un anno fa ad imbastire volontà, fattibilità e potenzialità del progetto Gabriele Borotlozzo – el mostro, difficilmente avremmo potuto prevedere o anche solo auspicarci una partenza così frizzante!

Il nostro progetto, lo ricordiamo, punta a realizzare un cortometraggio di animazione a tecnica mista ispirato alla storia di Gabriele Bortolozzo (#gabrielebortolozzo).  La nostra bella storia è stata raccontata dalle radio, Caterpillar di Radio 2, Restate Scomodi di Radio 1, Radio Base Popolare Network, Radio Stonata.

Soprattutto dopo le dirette nazionali sono arrivati molti contatti e la nostra stessa campagna di crowdfunding sulla piattaforma Eppela sta arrivando a raggiungere il nostro primo obiettivo di finanziamento: raccogliere i primi 5000 euro per iniziare a produrre il cortometraggio.

5 salvadanai in 5 librerie della città

Tutti possono contribuire per aiutarci a realizzare il progetto  #Gabrielebortolozzo, per questo abbiamo seminato 5 salvadanai in 5 librerie dalla città, quindi se volete far parte di questa bella storia non avete scuse, potete scrivere il vostro nome e aiutarci a produrre, più saremo più questo lavoro sarà condiviso!

Riempite i salvadanai nelle librerie:

  • Libreria Marco Polo book store – cannaregio 5886A Venezia
  • Libreria Mare di Carta – fondamenta dei tolentini 222 Venezia
  • Libreria Punto Einaudi – san polo 2596 Venezia
  • Libreria Don Chicotte – via brenta vecchia 13 Mestre
  • Libreria Libro con gli stivali – via mestrina 45 Mestre

I salvadanai resteranno esposti per tutta la durata del progetto fino a Settembre 2015 quando il cortometraggio verrà presentato al pubblico.

Donazioni via Paypal e Bonifico Bancario

Oltre alla donazione on line attraverso il portale Eppela, riservato a chi possiede una carta di credito (anche ricaricabile) è possibile sostenere il progetto anche via Paypal e bonifico bancario. Di seguito trovate le coordinate:bannereppela_300x250

 

Associazione Culturale STUDIO LIZ
Cannaregio 3294 – 30121 Venezia
C.F. 94064660270 / P.iva 03928160278

IBAN  IT43M0306902101100000002328

BIC BCITITMM

Le nostre interviste!

Il 20 ottobre su Radio2, ospiti di Caterpillar

Ti sei perso la puntata? Clicca sul logo di Radio2 per ascoltare il Podcast. Il nostro intervento parte dal minuto 23:08!

 

Il 23 ottobre su Radio Base Popolare Network

ospiti della giovane e bravissima dj Claudia Meggiato! Ti sei perso la puntata, riascolta qui la traccia audio!

 

 Il 30 ottobre a Radio Stonata – Crowdfunding

Ti sei perso la puntata, riascolta qui la traccia audio!

1601285_698874666823922_1289785375_n

Crowdfunding – 30.10.2014 by Radio Stonata on Mixcloud

Il 10 novembre a Restate scomodi – Radio 1

Ti sei perso la puntata?  Noi ci siamo a partire dal minuto 11:20!

Clicca, scarica e ascolta!

 

 

Il video è uno strumento di marketing

Il video è uno strumento di marketing

Sempre più frequentemente oggi usiamo comunicare con i video, questo perchè sempre più spesso oggi abbiamo per le mani strumenti di uso quotidiano che ci offrono con un click la possibilità di essere registi di quello che ci accade. Eppure, se per ciò che concerne la nostra cerchia amicale, questo ha significato una vera e propria rivoluzione nel modo di comunicare, questo non è altrettanto vero e adattabile quando ci troviamo ad agire in contesti istituzionali, aziendali e di promozione professionale.

Capita spesso infatti nelle aziende che, l’opportunità di poter filmare con il proprio telefono o tablet, finisca per essere valutata erroneamente come la possibilità di usufruire in modo rapido, veloce e soprattutto efficace del video come strumento di marketing.

Il marketing attraverso i video

Il primo nodo che un’azienda che vuole comunicare i video deve affrontare è dunque prendere coscienza che il video ha un suo linguaggio, come il cinema. E se anche oggi è vero che tutti siamo nelle condizioni di poter fare video, se volete comunicare con il video dovete affidarvi a dei professionisti del settore.

Avviare la registrazione e pensare che le inquadrature si faranno da sole perchè l’importante è centrare il vostro soggetto, putroppo, farà sembrare la vostra azienda senza pensiero e senza bellezza.

Il video aziendale: scegliere cosa raccontare

La prima cosa importante è saper scegliere cosa far vedere e come raccontarla creando un significato attraverso il montaggio.

Parlate di voi attraverso la vostra storia ma lasciate che il vostro lavoro e la vostra mission vengano curate da una regia in grado di creare davvero un immagine che sappia parlare efficacemente di voi, di cosa fate e perchè lo fate.

Ogni video qualunque sia la sua natura, se viene realizzato da professionisti, deve attraversare tre fasi importanti:

  • pre-produzione
  • produzione
  • post-produzione

Questo a seconda della complessità del progetto può significare un tempo medio di 3/4 settimane per avere il prodotto nelle vostre mani, fatto e finito.

Di seguito potrete vedere i video che abbiamo realizzato per due aziende del territorio in collaborazione con l’agenzia Kékrika. Vi piacciono? Perchè non ci mettete alla prova?

Tessiture Luigi Bevilacqua – Venezia

 

Vetreria Vistosi – Mogliano Veneto

Gabriele Bortolozzo, non lo vogliamo dimenticare

Gabriele Bortolozzo, non lo vogliamo dimenticare

Sono quasi vent’anni che Bortolozzo, Gabriele,  è morto. Quasi nessuno si ricorda di lui, o addirittura non l’ha mai sentito nominare. Eppure vi scriviamo dalla sua stessa città, mica da Taranto o da Monfalcone, tanto per citare due luoghi a caso.

Siamo un gruppo di creativi veneziani finiti a vivere tra Marghera e Mogliano Veneto, gli stessi luoghi di Gabriele, gli stessi luoghi dove oggi egli è così dannatamente morto e dimenticato. Non ci credete? Provate a chiedere a chi ha dai 30 anni in giù, noi ci abbiamo provato e tristemente abbiamo constatato che è così.

Vorremmo realizzare un corto o medio o lungo metraggio, in forma di animazione, che ne vivifichi il ricordo poichè crediamo che egli sia stato un eroe civile e vogliamo che la sua storia, la sua tragedia ma anche la sua fiaba non solo torni ad essere sulle bocche di tutti ma illumini le vite di tutti.

Pensare che un singolo operaio sia riuscito a portare a processo i vertici di Porto Marghera col famoso processo al “CVM”, ci pare quanto meno coraggioso.

Producete con noi: sostenete la memoria di Gabriele Bortolozzo

Non pensate che non abbiamo le idee chiare su ciò che vorremmo fare, pensate invece che a renderci cauti sono condizioni con cui ci accingiamo a lavorare a questo progetto. Anche se siamo appassionati e molto, anche se siamo accorati e molto, anche se siamo determinati e molto, questo progetto non può andare lontano senza il sostegno economico e pubblico che merita.

Siamo una casa di produzione indipendente, siamo disegnatori ed illustratori, siamo scrittori, siamo registi, direttori della fotografia e siamo pronti e determinati a fare tutto quanto è in nostro potere e oltre perchè questo lavoro di memora, di omaggio e di riflessione si realizzi entro il prossimo settembre 2015.

La situazione attuale veneziana non ci consente di avere una sponda istituzionale, per cui abbiamo deciso di chiedere a tutti voi, personaggi pubblici dotati di sensibilità civile, privati cittadini, associazioni, di darci una mano a spargere la notizia di questo progetto, a trovare forse se ancora esistono mecenati privati che vogliano sostenere l’iniziativa. Abbiamo pochi mesi per capire se si parte o meno: noi ci speriamo.

Abbiamo attivato la possibilità di effettuare libere donazioni, il budget preventivo per questo medio metraggio è di 10.000 euro. Apriamo la raccolta fondi con l’augurio che almeno questa volta, per una volta, se per voi questa cosa conta, non facciate solo gli spettatori. Producete con noi questo video, producete con noi nuove speranze e nuove visioni!

Gabriele Bortolozzo – El mostro

 da un’idea di Cristiano Dorigo
disegni Lucio Schiavon
animazione grafica Salvatore Restivo
sceneggiatura Cristiano Dorigo e Federico Fava
musiche originali Paki Zennaro
regia Lorenzo Pezzano
produzione Elisa Pajer
 

Budget preventivo per la produzione del corto 10.000 euro

 

Associazione Culturale STUDIO LIZ
Cannaregio 3294 – 30121 Venezia
C.F. 94064660270 / P.iva 03928160278

IBAN  IT43M0306902101100000002328

BIC BCITITMM

 

Gabriele Bortolozzo: una video lettura 20 anni dopo

Gabriele Bortolozzo: una video lettura 20 anni dopo

Studio Liz si propone di realizzare di un prodotto audiovisivo a carattere documentario che abbia come soggetto la storia di Grabriele Bortolozzo, con l’intento di riscoprire la sua figura di eroe civile e raccontarla in una chiave di lettura nuova in occasione dell’anniversario della sua prematura scomparsa (settembre 1995-settembre 2015).

La nostra sfida sarà raccontare in corto o medio metraggio la storia di un uomo la cui figura e la cui eredità non vadano perdute. A voler guardare indietro sono molti i contributi audiovisivi realizzati sulla figura di Bortolozzo, eppure, proprio nella sua stessa città, è ormai del tutto dimenticata, soprattutto dalle nuove generazioni.

 

Ecco perché abbiamo coinvolto in questo progetto importanti professionisti e creativi veneziani che con il loro contributo ci aiuteranno a realizzare un video al cui centro ci sarà la riflessione ancora oggi aperta ed attuale che Gabriele Bortolozzo ci ha lasciato: lavoro e salute in fabbrica.

Ispirandoci alla sua storia, alla sua città, alla sua fabbrica vogliamo realizzare un mediometraggio a tecnica mista: illustrazioni, grafica e video e immagini di repertorio che diventi un nuovo pretesto per ricordare chi è stato Grabriele Bortolozzo, per cosa ha lottato e quanto sia attuale la sua battaglia civile. 

Quanti nel territorio in cui viviamo lo conoscono o lo ricordano e per cosa?

Quale è lo stato della sua eredità e della sua memoria a vent’anni dalla sua morte?

gabriele bortolozzo|studiolizE’ difficile immaginare una lotta più solitaria e pionieristica di quella che Gabriele Bortolozzo, operaio al Petrolchimico di Porto Marghera, inizia nei primi anni settanta, sollevando dubbi  sulle procedure di lavorazione, e sulle conseguenze per la salute, nello stabilimento presso cui operava, del cloruro di vinile monomero (Cvm). All’epoca il sindacato locale è concentrato sul tema della difesa del posto di lavoro, la sensibilità ecologista è minoritaria, gli organismi preposti al controllo della nocività e la maggior parte della magistratura, sono sordi alla questione Cvm. Si sa poco e non si fa niente per sapere, con il risultato che nel corso degli anni si arriverà a 260 vittime (157 operai morti e 103 ammalati) e alla devastazione della laguna. Di fronte all’urgenza di ‘globalizzare’ il diritto al lavoro e insieme la tutela della vita umana, animale e ambientale; di fronte alla deriva efficientista che divora il tempo e schiaccia la soggettività; di fronte al rischio di un azzeramento della memoria operaia, la figura di Gabriele Bortolozzo è un punto di riferimento, e la sua visione del mondo è la stessa per la quale ancora molti di noi oggi lottano. E’ il primo operaio in Italia a dichiararsi obiettore di coscienza alle produzioni nocive e a rifiutarsi pubblicamente di lavorare nei reparti del Cvm, tra i primi a sollevare il problema dello smaltimento e occultamento all’estero dei residui tossici delle lavorazioni. Un passo dopo l’altro, una notizia dopo l’altra, scopre i casi di malattia e li cataloga.
A questo lavoro da detective accompagna lo studio. Si procura tutti i dati disponibili della Montedison, dell’Oms, di fabbriche simili all’estero, esamina i risultati e a volte li corregge e li integra, dove c’era il vuoto fa nascere un patrimonio di conoscenza. E diventa, prima di qualsiasi medico, magistrato o specialista, il vero esperto della nocività del Cvm. La risposta aziendale è una serie ininterrotta di soprusi, fino all’isolamento in un reparto confino. Ha dalla sua parte la Commissione Ambiente del Consiglio di Fabbrica, ma il sindacato nel suo complesso non lo sostiene.
Negli anni novanta Bortolozzo è meno solo. Sull’onda della crescente attenzione ecologista e quindi anche dell’interesse per i suoi dossier su problemi di inquinamento, viene invitato a convegni e dibattiti, e va a parlare in alcune scuole, l’attività che gli sta più a cuore. Nel 1994 pubblica un dossier sulle morti e malattie da Cvm al Petrolchimico; nello stesso anno presenta al Pubblico Ministero di Venezia Felice Casson un esposto che sarà la base delle indagini per il processo contro i dirigenti Montedison ed Enichem iniziato nel ’98. Bortolozzo sceglie costantemente di fare da ponte fra diritti/bisogni spesso contrapposti, come quello di avere un lavoro e quello di preservare salute e ambiente. Ma non è tutta la sua vita. Lontanissimo dal ‘lavorismo’ tanto diffuso nel movimento operaio, Bortolozzo è un uomo che si dedica ai figli e ai rapporti umani, un uomo attento al bello, alle piccole cose, al privato, al ‘superfluo’, che per sé e per gli altri vuole il pane, ma anche le rose. Gabriele Bortolozzo muore il 12 settembre1995 a Mogliano Veneto, investito mentre pedalava sulla amata bicicletta.

[La motivazione del premio del Comitato scientifico e di Garanzia della Fondazione Alexander Langer].

Gabriele Bortolozzo muore in un’incidente stradale a sessantun’anni.
L’intenzione è di realizzare e presentare questo ritratto video nel settembre del 2015 in occasione dei vent’anni dalla sua prematura scomparsa.
Ci preme di arrivare e far cogliere al pubblico fruitore l’importanza di questa riflessione filmica. Essa sarà una testimonianza preziosa degli ultimi vent’anni di una nostra storia locale.

da un’idea di Cristiano Dorigo
disegni Lucio Schiavon
animazione grafica Salvatore Restivo
sceneggiatura Cristiano Dorigo e Federico Fava
musiche originali Paki Zennaro
regia Lorenzo Pezzano
produzione Elisa Pajer
 
 

Budget preventivo per la produzione del corto 10.000 euro

bannereppela_300x250

 

 

Associazione Culturale STUDIO LIZ
Cannaregio 3294 – 30121 Venezia
C.F. 94064660270 / P.iva 03928160278

IBAN  IT43M0306902101100000002328

BIC BCITITMM

 

Tobia Scarpa: ora è il vostro turno

Tobia Scarpa: ora è il vostro turno

Oggi finisce la produzione del documentario Tobia Scarpa.L’anima segreta delle cose. Lo schermo è nero dopo che anche l’ultima riga dei titoli di coda è uscita in dissolvenza. Allora, quale miglior momento se non ora, per scrivervi di questa impresa che Studio Liz ha realizzato?

Nel lontano 2010 quando non eravamo ancora trentenni, Teresita Scalco, che aveva conosciuto  Studio Liz apprezzando il nostro primo documentario Chi Crea Venezia, ci disse che tanto le sarebbe piaciuto se insieme a lei avessimo provato a realizzare un documentario su Tobia Scarpa. Non sapevamo nulla di architettura e di design ma la sua proposta ci era sembrata stimolante e così siamo partiti.

In quel periodo stavamo chiudendo la produzione di Len, pensieri e storie di tre artisti gardenesi così, timorosi anche di farci trovare impreparati, abbiamo lasciato che il documentario su Tobia maturasse in termini di contenuto, di scelta registica, di storia. Nel tempo venivano presi i primi contatti, venivano fatte le prime proposte. Abbiamo iscritto il progetto al bando per l’identità veneta della Regione, ritenendo che un ritratto documentario ad un uomo come Tobia, che ha fatto del design italiano un’eccellenza, avrebbe meritato il sostegno dei finanziamenti destinati al bando.  Ci sbagliavamo.

Accusato il colpo, siamo andati avanti cercando di capire se forse alcune delle aziende che tanto devono al suo talento professionale potevano con poco intervenire per sostenere la nostra iniziativa. Eppure la scorsa estate dopo le prime risposte entusiastiche, una dopo l’altra ognuna di queste aziende si è defilata nascondendosi dietro un dito, lamentando la crisi anche di fronte alle nostre contenute richieste di sostegno. A questo punto con un piglio di orgoglio ma con qualche angoscia su come avremo fatto a pagare tutti i collaboratori e le spese vive abbiamo proseguito la produzione.

Nel frattempo le nostre frequentazioni con Tobia prendevano sempre maggior confidenza tramutandosi in una conoscenza di sincero affetto e simpatia. Allora ci siamo inventati il crowdfounding made in Studio Liz, ci siamo giocati la faccia e senza un budget di comunicazione ma carichi di speranze verso la rete abbiamo creato producinuovevisioni.

Forse, ci dicevamo saranno gli appassionati di design che con pochi euro ma massivamente ci verranno in aiuto. Abbiamo ricevuto 4 donazioni. Bene, qualcuno almeno c’è! Ma come faremo ad andare avanti? 1000 km per tobia scarpa 1000 ciak per Tobia

 

Il nostro ultimo, ormai mesto tentativo,  ci ha spinto a contattare le aziende venete legate a Tobia Scarpa sulle quali contiamo, è il caso di dirlo perchè abbiano un moto di orgoglio territoriale oltre che di stima professionale nei confronti di questo ritratto video. Potete vedere qui un anteprima del documentario, se vi piace e se ritenete che possa meritare il vostro sostegno, sapete che con un clik potete fare molto.

Fate la vostra donazione, un gesto che costa poco ma per noi vale molto.

https://www.youtube.com/watch?v=4De2dMPoWFQ

Pin It on Pinterest