Studio 3A sostiene la produzione del corto El mostro

Studio 3A sostiene la produzione del corto El mostro

Attraverso la campagna di crowdfunding lanciata su Eppela lo scorso novembre 2014, il progetto e l’iniziativa che Studio Liz ha intrapreso per sostenere e rivitalizzare  la memoria collettiva su Gabriele Bortolozzo sono arrivate all’attenzione di Studio 3A, una realtà imprenditoriale con radici veneziane che oggi è ben radicata nel territorio non solo locale ma anche nazionale.

I professionisti di Studio 3A vantano un’esperienza ventennale nel settore assicurativo, legale e della sicurezza stradale. E la mission aziendale da sempre pone al centro la tutela dei diritti dei cittadini.

Proprio per questo legame che lega la nostra iniziativa culturale alla realtà di Studio 3A, le spese di produzione del cortometraggio saranno sostenute da Studio 3A che ha scelto di contribuire e sponsorizzare la produzione  del corto animato ispirato a Gabriele Bortolozzo e insieme tutte le iniziative di promozione e sensibilizzazione alla cittadinanza che nel corso del 2015 realizzeremo.

El Mostro, cortometraggio animato, si ispirerà alla la storia di Gabriele Bortolozzo, storica anima delle battaglie legali e sociali contro i disastri ambientali e i danni alla salute degli operai del petrolchimico di Marghera.

 

Studio Liz e Studio 3A insieme per la produzione del corto ispirato a Gabriele Bortolozzo

“Il progetto di Studio Liz costituisce un altro mattone fondamentale nella costruzione di una memoria condivisa rispetto ad una tragedia sul piano sociale ed ambientale come quella del Petrolchimico di Marghera – ha commentato l’Amministratore delegato di Studio 3A, Ermes TrovòRicordare Gabriele Bortolozzo ci riporta ahimè a fatti di stretta attualità: esistono in Italia ancora troppe realtà in cui l’interesse dell’industria non riesce a scendere a patti con la salute dei lavoratori, dei cittadini e con la tutela dell’ambiente. Ecco perché auspichiamo che “El Mostro” possa essere divulgato il più possibile e raggiungere ad esempio Taranto, Melfi, Livorno e Casale Monferrato: città colpite da disastri similari a quelli di Venezia. Questo cortometraggio è un nodo al fazzoletto: fatti come questi non devono più accadere.”

 

Grazie al successo del crowdfunding e a questa sponsorizzazione i creativi sono già al lavoro e in piena fase produttiva per realizzare, i disegni prima e le animazioni poi, del cortometraggio.

L’ambizione ora è quella di ultimare il lavoro in tempo utile per poter inviare il lavoro all’attenzione degli organizzatori della Mostra del Cinema. Quale migliore occasione per riaccendere l’attenzione non solo locale ma internazionale sulla bella storia di Gabriele, un semplice operaio che ha sfidato il mostro e lo ha sconfitto. Una storia che deve essere presa ad esempio perchè tutti possano ispirarsi e trovare un po’ di quel coraggio che ha animato la vita di Gabriele.

Vi aspettiamo alla conferenza stampa di presentazione

Sabato 21 febbraio ore 11.30

presso la sala consiliare del Municipio di Marghera.

 

Festeggia il carnevale e scopri “El mostro”

Festeggia il carnevale e scopri “El mostro”

Uno degli obiettivi del nostro progetto “el mostro” è stato da subito quello di intraprendere una campagna di riabilitazione della memoria storica di Gabriele Bortolozzo. Per questo abbiamo portato avanti con forza l’intenzione di realizzare un cortometraggio di animazione che ispirandosi alla sua storia fosse un’occasione per avvicinare le nuove generazioni alla figura di Gabriele.

Un semplice operaio del petrolchimico che viveva la nostra stessa città e come molti di noi aveva a cuore il rispetto dell’ambiente e la tutela dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

Gabriele ci ha lasciati ormai vent’anni fa ma la sua città è la stessa di noi oggi.  Mestre e Marghera di ieri però avevano el mostro, mentre noi oggi forse presi dal presente e cercando di pianificare il futuro abbiamo perso qualche piccolo pezzo di storia, una storia locale ma con matrici globali.

Non sappiamo forse più chi era Gabriele e nemmeno chi e cosa sia stato il petrolchimico di Marghera.

Il progetto “el mostro” quindi non solo produrrà un cortometraggio per regalare a tutti uno strumento nuovo di riflessione su questi temi tanto vicini a noi quanto dimenticati ma nel corso del 2015 cercherà di trovare quante più occasioni possibili per incontrare la cittadinanza.

Festeggia il carnevale e scopri “El mostro”

Martedì 17 febbraio, in occasione del carnevale nel suo giorno cruciale, il martedì grasso appunto, abbiamo organizzato una festa danzante per incontrare i giovani della città è avvicinarli ai temi del mostro.

L’evento è organizzato grazie alla preziosa collaborazione con la cooperativa sociale “Controvento” che sostiene e supporta il progetto El mostro aiutandoci nella promozione e organizzazione delle iniziative pubbliche aperte alla cittadinanza.

Ad allietare la serata con una musicalità che vi porterà tutti in pista ci saranno i Magic Bus direttamente dagli anni ’50 con un concentrato Rockabilly rigorosamente con il ciuffo e i panza a zampa!

Vi aspettiamo numerosi per festeggiare insieme il carnevale e conoscere Gabriele Bortolozzo e la sua battaglia contro El mostro!

In omaggio per tutti fino ad esaurimento scorte spillette grafiche del mostro!

Elmostro_carnevale_01_72dpi

 

El mostro: la coraggiosa storia di Gabriele Bortolozzo

El mostro: la coraggiosa storia di Gabriele Bortolozzo

In questi giorni di incontri e scambi, ci siamo trovati più volte a confrontarci con una nostra scelta artistica e estetica, che in qualcuno ha suscitato perplessità, e in altri ha scaturito fraintendimenti.

Il titolo “el mostro”, associato al nome di Gabriele Bortolozzo, ad alcuni non è piaciuto: è comprensibile, e riteniamo sia nostro dovere spiegare le ragioni di questa scelta, di farlo in modo onesto, di difenderla con orgoglio.

Non è impresa facile spiegare e razionalizzare un’intuizione, dimostrare che si è nel giusto se si dà retta alla propria ispirazione quando questa è pulita, cristallina, onesta.

Va ben, ci si prova.

Il titolo “El mostro” sintetizza una (bella) storia

El mostro: chi era, chi è?

El mostro ha il dono della lievità, il potere della seduzione, la musicalità della promessa: ha un’apparenza sinuosa, ma un animo mefistofelico, e se ti prende non ti lascia più. A quei tempi era invisibile, silenzioso, attraente: era il miraggio di un lavoro sicuro, la sicurezza di poter comprare merci, di mandare i figli a studiare e pagargli il dentista. Era l’America in provincia, minor fatica e più reddito, un sogno fronte laguna.

el mostro autobusS’insinuava silenzioso nei corpi, corrompeva gli organi interni, si portava via vite con inoffensiva semplicità statistica: era il prezzo da pagare, e molti pensavano ne valesse la pena.

Qualche decennio fa, chi percorreva di sera il Ponte della Libertà, “ il nastro d’asfalto che unisce la città una e trina”, diventava spettatore di una visione unica: se partiva dal centro storico, assisteva a un miracolo di luci, colori, fumi e fiamme che coesistevano in paradossale armonia con l’ambiente urbano che lo attorniava.

La bellezza assoluta di Venezia, ti portava verso le città di terraferma con innaturale morbidezza, quasi fosse un continuum logico.

Giorno dopo giorno ci si abituava, si introiettava quel contrasto fino ad abituarcisi.

La coraggiosa storia di Gabriele Bortolozzo contro “El mostro”

Immagine 29Gabriele Bortolozzo, uomo mite, spiritoso, dotato di immaginifica lungimiranza ha rotto l’incantesimo, ci ha costretti a guardare in faccia la realtà, ha urlato “il mostro è nudo”.

E’ stato uno schiaffo, uno shock, emotivo e oggettivo: ci ha costretti a fare i conti con la catatonia che ci abitava.

Noi vorremmo poter raccontare attraverso un linguaggio ispirato, artistico, trasversale, questo risveglio. Correndo i rischi necessari del caso, ricorrendo a modalità comunicative apparentemente paradossali, credendo che l’insight che ci ispira, sia da assecondare e nutrire; credendo di poter poi offrire a nostra volta nutrimento alla discussione e al dibattito su temi che sentiamo nevralgici e rischiosamente sotterrati da una sorta di asfissiante emergenza: lavoro, diritti, salute, benessere, visionarietà.

Certo, ascoltiamo tutti, cercando di uscire da possibili fraintendimenti semantici, ma crediamo in quello che sentiamo, e ci auguriamo di riuscire a fare un prodotto che lo dimostri.

Per concludere: usciremo dall’equivoco, e “el mostro” non sembrerà più essere Gabriele Bortolozzo; sarà anzi chiaro che lui ha ingaggiato la lotta con questo; una lotta impari ma esemplare, che ha generato una bella storia. Ci preme molto lavorare in modo che, pur non essendo una biografia, la sua figura civile e umana sia presente.

E ci piacerebbe farlo a modo nostro, pensando che lui ne sarebbe felice.

Cena di beneficenza per EL MOSTRO: perchè partecipare?

Cena di beneficenza per EL MOSTRO: perchè partecipare?

Elmostro_invito_alta

La prima fase per la raccolta fondi  del progetto volge al termine, l’obiettivo era raggiungere 5000 euro.

Purtroppo malgrado il nostro impegno, la presenza su alcune importanti radio nazionali, la campagna online di crowdfunding e le presentazioni sul territorio siamo ancora lontani dal risultato.

Perchè partecipare alla cena di beneficenza

Mancano più o meno 1500 euro ed una manciata di giorni alla fine della campagna di raccolta fondi, e così abbiamo deciso di puntare tutto, come ultima spiaggia, su una cena di beneficenza.

Nell’organizzare questa iniziativa abbiamo potuto contare sull’amicizia, la disponibilità e l’affetto della cooperativa Controvento che ha deciso non solo di sostenerci ma di sposare il progetto El mostro.

La cena è un rito sociale dove, seduti allo stesso tavolo, è possibile mettersi in ascolto o farsi ascoltare, allietati da un buon pasto e vino. Vorremmo che il prossimo 11 dicembre alle 20.30 presso il Bagolaro di Forte Marghera, fossero in molti a volersi mettere in ascolto per conoscere il nostro progetto ma altrettanto vorremmo ascoltare quanti desiderano raccontarci un pezzo di questa storia comune che è, è stato e sarà, il petrolchimico di Marghera.

Perchè è importante prenotare

Di sicuro la quota di partecipazione di 50 euro per la cena ad alcuni potrà sembrare eccessiva, vista la crisi; tuttavia proveremo a convincervi, perchè dentro a questa quota non solo, appunto, ci sarà il prezzo di un menù molto curato ma anche un contributo concreto al progetto El mostro. Per ragioni organizzative e logistiche è indispensabile effettuare la prenotazione, ecco perchè vi invitiamo con forza a chiamare il 3450143110.

Ancora non siete convinti? Allora ecco il menù! Ora non avete più scuse, non lasciatevi sfuggire quest’occasione per essere protagonisti di un’iniziativa che racconta un pezzo di storia che ci riguarda tutti.

menù-11-dicembre

Vi piace il progetto, vorreste venire alla cena ma per cause di forza maggiore non potete esserci? Potete comunque fare una donazione! Ecco come:

Donazioni via Paypal e Bonifico Bancario


Oltre alla donazione on line attraverso il portale Eppela, riservato a chi possiede una carta di credito (anche ricaricabile) è possibile sostenere il progetto anche via Paypal e bonifico bancario.
Di seguito trovate le coordinate:bannereppela_300x250

 

 

Associazione Culturale STUDIO LIZ
Cannaregio 3294 – 30121 Venezia
C.F. 94064660270 / P.iva 03928160278

IBAN  IT43M0306902101100000002328

BIC BCITITMM

I librai sostengono el mostro

I librai sostengono el mostro

Cari amici, la campagna online del nostro progetto su Eppela sta attraversando l’ultima metà di tempo dei quaranta giorni che sono la dura, eppur giusta, regola del portale di crowdfunding al quale abbiamo deciso di affidarci.

Molti di voi ci hanno dimostrato le loro buone intenzioni di donazione, con il limite di voler affrontare la rete, e per questo ci siamo rivolti ad alcuni amici librai della città chiedendo di essere coinvolti in questo progetto dal basso, che vogliamo appartenga alla gente prima che a noi.

Cinque librerie tra Mestre e Venezia hanno deciso di sostenerci facendo da punto di raccolta per tutti coloro che vorranno donare. Inoltre scenderemo noi per primi in piazza per incontrare la gente e raccontare il progetto.

La prossime due settimane sono per noi cruciali, fateci sentire la vostra vicinanza e il vostro sostegno, ne abbiamo bisogno!

Riempite i salvadanai nelle librerie:

  • Libreria Marco Polo book store
  • Libreria Mare di Carta
  • Libreria Punto Einaudi
  • Libreria Don Chicotte
  • Libreria Libro con gli stivali

Venite a conoscerci alle presentazioni

  • 8 novembre H 18.30 presso la libreria Libro con gli stivali
  • 15 novembre H 11.30 presso la libreria Marco Polo book store

1

3

 

In ogni libreria troverete un salvadanaio da riempire, la posta in gioco è alta, solo se raggiungeremo il budget di 5000 euro il progetto Gabriele Bortolozzo, El mostro potrà iniziare e diventare concreto.

Concrete saranno anche le ricompense per ogni donatore, forza dunque non lasciatevi scappare questi bellissimi gadget!

Pin It on Pinterest